Villa Carlina

Cenni storici ed artistici

Il complesso architettonico di Villa Carlina venne originariamente edificato nella seconda metà del XVI secolo per volontà dei Marchesi Bovio, che la tennero fino al 1880. 

Rimaneggiata nel corso del secolo successivo ed arricchita nel ‘700, la villa passò in seguito ai Montebugnoli, poi ai Malvasia e, nel secondo dopoguerra, ai Sassoli dè Bianchi. 

Ed infine in tempi recenti ad una Immobiliare che alla fine del secolo scorso inizio’ i lavori di restauro e ristrutturazione mai pero’ terminati per quanto riguarda la villa, mentre gli edifici annessi sono stati adibiti a residenza.

L’articolato complesso, posto in leggero rilievo rispetto alla pianura circostante, comprende la villa padronale e a levante rispetto all’edificio principale, tre fabbricati di pertinenza: una scuderia, una casa torre ed una stalla con fienile, disposti a corte aperta.

L’edificio principale è costituito da un corpo compatto a pianta rettangolare con basamento a scarpa e spalti angolari, propri della villa-castello tardo cinquecentesca. Dell’edificio originario restano un livello interrato, il piano terreno ed il piano nobile, al quale si accede per mezzo di una breve scalinata.

Raffinati stucchi decorano inoltre l’ex cappellina, realizzata nel 1715.

Le immagini