Piazza Bassi

Cenni storici

Piazza Raffaele Bassi è la piazza principale del paese, ospita i due plessi del palazzo comunale; il Municipio e l’ex palazzo sanitario.

Edifici risalenti ai primi del novecento (1915/16) sono stati ristrutturati completamente nel 2018 e, assieme alle scuole Nasica rappresentano, da un punto di vista fotografico-architettonico, la memoria storica del paese.

La piazza è intitolata al sindaco socialista Raffaele Bassi aggredito più volte dai fascisti.
Le ferite riportate da Bassi saranno la causa della sua morte precoce, nel 1935, a soli 52 anni.

La sede del comune alla sua costituzione fu collocata nel Palazzo Guidotti in p.za Serrazanetti 2, come cita una lapide  posta presso l’entrata dell’edificio. Con la costruzione delle attuali scuole venne li’ spostato nel 1896, per poi andare ad occupare la sede attuale al completamento del nuovo edificio nel 1916.

Durante l’ultimo conflitto gli uffici vennero “sfollati” per evitare danni da bombardamento alla Villa Lorenzini in via Marano 14, ritornando nell’attuale sede una volta ricostruita dopo i danni di guerra.

L’attuale edificio principale, costruito nel 1916, presentava una pianta ad “L”, dove l’entrata laterale di via XXI Ottobre 1 dava accesso alla Casa del Fascio e successivamente al conflitto alla Casa del Popolo fino agli anni ‘70, quando venne edificata l’attuale costruzione di via Gramsci 21.

La superficie attualmente occupata dalla sala consigliare era una piazza quadrata circondata da una siepe su due lati, dove nei primi anni del dopoguerra si tenevano serate danzanti.

Le immagini