Oratorio di S.Rocco

Cenni storici ed artistici

In via Fontanazzi al nc 2, di fronte all’accesso del nc 1, sorge un ex oratorio sconsacrato ed ora adibito ad abitazione estiva temporanea.
Nel libro “CHIESE PARROCCHIALI DELLA DIOCESI DI BOLOGNA” anno 1844, nella descrizione della Chiesa parrocchiale di S. Giovanni Battista di Castenaso, cui dipendevano anche i territori di Madonna, a pg 57, si cita un oratorio di S. Rocco di proprieta’ dei marchesi Emilio e Carlo Malvezzi “e questo esiste in luogo detto Fontane o Fontanaccie, perche’ ivi scaturisce una larga sorgente di acqua, che va a formare il cosi’ detto canale di Budrio.”
Nelle carte del Boncompagni 1783 ed in quelle di poco anteriori del 1774, presso l’attuale via Fontanazzi (mai nome fu piu’ appropriato) viene identificata casa Malvezzi (ora via Fontanazzi 1, di fronte) con ivi presente il canale Riola o Riola di Prunaro (ora fossa Riola che poco oltre Prunaro confluisce nel canale di Budrio).
In queste carte pero’ non vi e’ traccia di oratori o simili per cui l’attuale costruzione e’ verosimilmente posteriore a queste date, ma anteriore al 1844.

Le immagini