Oratorio della Natività della Vergine

Cenni storici ed artistici

La costruzione di questo oratorio risale molto probabilmente alla prima meta’ del XVIII secolo.
Il fronte ricorda la chiesa di S. Sigismondo a Bologna.
Il rilievo sulla porta di ingresso riporta alla nativita’ della Vergine.
Gli stucchi interni ricordano il cd. Barocchetto Bolognese (anni ‘40/50 del 1700).
A meta’ ottocento la villa ivi presente con tutte le costruzioni annesse compreso l’oratorio era in proprieta’ della contessa Caterina Castellari Bovi che lo dono’ poi alla Pia Opera Bovi a cui ancora appartiene e che nel 2010 ha avviato lavori di restauro.
La villa venne rasa al suolo dai bombardamenti dell’ultimo conflitto mondiale.
Da notare il campaniletto a vela sul lato sinistro di cui sono ancora conservate le campane rimosse e poste altrove.

Le immagini