Da Castenaso a Marano e Fiesso (e ritorno) per chiese, oratori e ville

Questo percorso si snoda in buona parte su strade secondarie a Nord dell’abitato di Castenaso e congiunge i le frazioni di Marano e Fiesso piu’ esattamente la parte NORD di Castenaso con Marano a Nord-ovest e Fiesso a Nord-est.

Il percorso si snoda su strade, marciapiedi e ciclabili pubbliche, e’ pertanto percorribile sicuramente in bicicletta ma anche a piedi.
Le strade percorse sono per lo piu’ secondarie e anche piuttosto strette: 2,50/3,00 mt, con scarso traffico veicolare. 

Lunghezza totale 12,25km.

Parte a): Da Castenaso a Marano
L’inizio e’ a CASTENASO, presso la Chiesa della Madonna del Buonconsiglio in via XXI Ottobre 4/2^.
Dal sagrato della chiesa si attraversa la via e si entra nel cortile della Biblioteca (Casa Bondi, vecchia casa contadina ristrutturata ed ora sede di uffici comunali).

Chiesa della Madonna del Buonconsiglio

Casa Bondi

Si gira a dx all’angolo Nord-Ovest dell’edificio arrivando al pedonale su via dello Sport.
Si attraversa e si percorre prima il marciapiede e poi la ciclabile lungo via dello Sport in direzione del Palazzetto dello sport (Ovest).
Qui giunti si entra nell’area verde svoltando a dx, all’altezza di una una catena presso la strada.
Si percorre tutto il sentiero verso nord fino a giungere alla via Marano. Di fatto ci siamo immessi gia’ nella ciclabile che arriva fino alla frazione di Marano appunto.
Proseguiamo quindi sulla ciclabile verso Ovest proprio in direzione della frazione.
Dopo alcune centinaia di metri, dove la ciclabile lascia il lato Sud della via, la attraversa e prosegue sul lato Nord, vediamo un lungo caseggiato al margine stradale.
Si tratta di villa Monti – Lorenzini ed annessi edifici. In effetti la villa e’ solo parzialmente visibile guardando tra gli archi centrali dell’edificio posto lungo la strada essendo collocata a tergo di questo, ovvero, poco prima, entrando nell’area a servizio delle abitazioni identificata da due colonne (nc 8) si puo’ raggiungere la recinzione laterale.

Ex villa senatoria Monti (poi villa Lorenzini) – edifici antistanti la villa

Proseguendo lungo la ciclabile dopo pochissimi metri scorgiamo una bella entrata: quella di Villa Capriata attuale sede di eventi, feste, matrimoni, con possibilita’ di soggiorno.
Di particolare interesse l’oratorio ottagonale del ‘600 presso la strada intitolato alla Madonna della Neve.
Si prosegue quindi lungo la ciclabile svoltando poco dopo su via della Pieve in direzione dell’abitato di Marano.
Si prosegue sulla carreggiata fino al quadrivio con la via Ciottitrentadue ove sul lato sx di fronte a voi si trova la chiesa parrocchiale di S. Giminiano.

Villa Capriata

Chiesa di S.Giminiano

Villa Marana (Molinari Pradelli)

Girate a sx ed imboccate via Ciottitrentadue in direzione est percorrendola tutta.
Dopo svariate centinaia di metri la strada termina su via Marana qui svoltate a dx e proseguendo brevemente giungete ad un parco con villa: Villa Marana.
Questa villa degli eredi del noto maestro d’orchestra Francesco Molinari Pradelli oltre a vari edifici annessi ospita all’interno una pregevolissima collezioni di dipinti del barocco italiano del ‘6/’700.
Da qui e’ possibile, allungando il percorso, proseguire verso nord su via Marana e dopo alcune curve immettersi su via della Pieve e con conversione a dx tornare verso Marano ove si giunge nuovamente al quadrivio con la chiesa parrocchiale.
Altra alternativa e’ ad un certo punto, sula via della Pieve ma prima di Marano, girare a sx su via Marciapesce e percorrerla tutta fino ad imboccare piu’ avanti via Ciottitrentadue.
Volendo pero’ abbreviare il percorso e’ possibile tornare indietro dalla villa e percorrendo a ritroso il percorso appena fatto tornare appunto alla chiesa parrocchiale.

Parte b): Da Marano a Fiesso e Castenaso
Dalla chiesa di Marano si continua verso Est sul lato opposto della via Ciottitrentadue.
La si percorre tutta fino al termine con via Bagnarese girando poi a dx e poco dopo arrivare ad immettersi su via XXI Ottobre.
La si imbocca con direzione est ed in fondo al breve rettilineo proprio davanti a voi vedrete al margine stradale la “croce di fiesso”. Una stele con croce ed iscrizioni li’ posta a ricordo delle rotte dell’Idice nei secoli scorsi.
A questo punto si torna indietro percorrendo a ritroso via XXI Ottobre e dopo l’incrocio con via Bagnarese, dalla quale siamo giunti, percorse poche centinaia di metri si gira a dx su via Pedagna sx, percorrendola tutta fino al ponte sull’Idice.
Valicato il ponte pedonale si continua su via Pedagna dx ed in fondo, dopo brevissima salita, si giunge a via Caduti per la Liberta’.
Girando a sx, poco dopo sulla dx, si scorge la chiesa parrocchiale di Fiesso intitolata a S. Pietro.
Ora effettivamente il nostro giro volge al termine e tornando indietro all’incrocio con via Pedagna si imbocca la ciclabile a lato della via Fiesso per dirigersi verso Castenaso.
Dopo la rotonda con le vie P. Fabbri e D. Alighieri ed una curva a sx, sulla destra vediamo un’area verde ed il ponte pedonale blu di Rethimno.
Imboccandolo si scende fino a giungere su via Marconi, si risale e proseguendo verso Ovest si arriva al termine della strada e qui sulla dx vedrete la Chiesa della Madonna del Buonconsiglio da dove siamo partiti.

Chiesa di S.Pietro

La croce (stele) di Fiesso